Contributi a Fondo perduto e Detrazioni Fiscali per le strutture ricettive

Contributi a Fondo perduto con Cultura Crea

L’agenzia Invitalia – estensione del MISE (Ministero dello Sviluppo Economico) – ha aperto dei bandi per finanziamenti agevolati a tasso zero, contributi a fondo perduto, destinati al settore turistico, tra cui anche le strutture ricettive, sia per imprese esistenti che per nuove iniziative imprenditoriali.

Cosa è necessario? La presentazione di un business plan e della documentazione richiesta per ogni misura.

Quali sono i bandi? Il bando “Cultura Crea” si rivolge a imprese turistiche e culturali (hotel, strutture ricettive extra-alberghiere, b&b, agriturismi, villaggi, ristoranti, agenzie di viaggi e tour operator, stabilimenti balneari, attività legate ad attrattive turistico-culturali), con contributi fino a 400.000 euro per nuove imprese e fino a 500.000 euro per imprese esistenti che presentano la domanda. I finanziamenti erogati (sia in forma di finanziamenti a tasso zero, che di contributi a fondo perduto) arrivano a coprire fino all’80% delle spese ammissibili, oppure fino al 90% in caso di premialità (imprese femminili, giovani, rating di legalità).

Nuove imprese nel settore turismo e cultura: possono fare domanda le società costituite da meno di 3 anni o team di persone che intendono avviare un’impresa (non ancora costituita) nelle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. Il finanziamento copre sia i nuovi investimenti che spese di gestione e personale. La quota a fondo perduto arriva fino al 40% (oppure 45% in caso di premialità), e la rimanente parte a tasso zero.

Imprese esistenti: possono richiedere il finanziamento le imprese costituite da oltre 3 anni nelle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia (in questa misura non è inclusa la Sicilia), sia per nuovi investimenti che per spese di gestione e personale. La sola differenza con le nuove imprese è nella proporzione tra la quota a fondo perduto (fino al 25%) e quella a tasso zero (fino al 65%).

Bando Cultura Crea: come presentare la domanda e come avviene l’erogazione

Le domande devono essere presentate online, complete di documentazione richiesta (business plan, dati anagrafici, ecc.). La valutazione avviene entro 60 gg. Guarda l’infografica sotto per maggiori informazioni o clicca sul sito ufficiale.

Detrazioni 65% e Bonus Fiscali per agriturismi e hotel

Per spese di ristrutturazione e arredamento* in agriturismi e hotel, è previsto un bonus fiscale con credito di imposta del 65% per il biennio 2017/2018 (estensione del precedente 83/2014). La domanda si può fare online e viene presentata per l’anno successivo a quello in cui si sono effettivamente sostenute le spese.

* Ristrutturazioni edilizie
Acquisto di mobili e complementi di arredo
Mobili e complementi per interni ed esterni
Cucine e attrezzature professionali per la ristorazione
Eliminazione delle barriere architettoniche
Interventi di manutenzione straordinaria
Interventi per l’efficienza energetica
impianti fotovoltaici, solari termici, elettrici, termici e idraulici finalizzati alla riduzione dei consumi;
coibentazioni, schermature e altri interventi a favore dell’ambiente
Restauro e risanamento conservativo
Miglioramento e adeguamento sismico
Acquisto di porte, infissi e altri serramenti
Componenti di domotica e automazione negli ambienti
Facilitazione dell’accessibilità, attraverso opportune tecnologie

Voucher digitale per aziende turistico-ricettive

A tutte le imprese, incluse quelle del settore turistico-ricettivo, è consentito richiedere un contributo per acquistare consulenze, software e hardware al fine di migliorare l’aspetto tecnologico, la connessione a banda larga e trovare soluzioni per le promozioni grazie al web marketing turistico. Le spese devono essere sostenute successivamente all’assegnazione del Voucher. L’importo del voucher è di massimo 10 mila euro, nella misura del 50% delle spese ammesse. Le domande si potranno presentare dal 30 gennaio al 9 febbraio 2018. Nel caso in cui l’importo dei voucher concedibili sia superiore ai fondi messi a disposizione dal Ministero, le risorse verranno ripartite in modo proporzionale tra le imprese beneficiarie.

Richiedi una Consulenza Gratuita per il tuo B&B

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno + otto =