I Free Booking Links (nuovo aggiornamento Google) per strutture ricettive sono davvero gratuiti?

Da quando Google ha annunciato i nuovi aggiornamenti che riguardano le prenotazioni dirette e senza costi di commissione alle strutture, c’è una corsa a sapere esattamente di cosa si tratta e cosa fare per poter usufruire di questa opportunità. Anche noi di BBTop abbiamo cercato di capirci qualcosa e queste sono le nostre considerazioni.

Innanzitutto, rispetto a prima, cosa è cambiato? Si tratta davvero di ricevere prenotazioni gratuitamente? Quel “free” lascia intendere che la struttura non avrà dei costi per le prenotazioni ricevute tramite i link di prenotazione nella ricerca di Google, ma in realtà non è così. Prima di questo aggiornamento, Google richiedeva una commissione sulle prenotazioni ricevute insieme al costo per click, tramite Google Hotel ADS, a cui si poteva esser iscritti tramite partner o provider di Google (booking engine con channel manager, canali di prenotazione, ecc.), cosa che comportava un ulteriore costo per abbonamento o per commissioni per ogni prenotazione.

Col Free Booking Links, non bisogna per forza essere iscritti a Google Hotel ADS e quindi Google rinuncia alle sue commissioni sulle prenotazioni, ma per poter esser presente nel feed di ricerca con le tariffe, rimangono in ogni caso i costi che una struttura deve mettere in conto per avere un abbonamento, ad esempio, ad un sistema di prenotazione sul sito (booking engine con Channel Manager già partner di Google). E restano, purtroppo, anche i costi di commissione per le prenotazioni ricevute dai canali su cui si è presente (es. Booking.com, Airbnb, ecc.) che molto spesso utilizzano Google Hotel Ads (annunci Google) per essere in cima nel feed del prezzo.

Google invita infatti a prendere in considerazione i vantaggi di avere un fornitore di servizi tecnologici e propone di contattare quelli da loro consigliati, senza però far presente che si tratta comunque di servizi a pagamento.

Come esser presente nel feed del prezzo nella ricerca Google

Se ancora non utilizzi nessun sistema di prenotazione con partner Google, verifica innanzitutto che la tua struttura sia presente sulla mappa di Google con una scheda Google Business completa. Se non ancora visibile o non completa, crea l’account o rivendica l’attività, inserisci o controlla le foto presenti e le recensioni, controlla la correttezza delle categorie e dei servizi. Il passo successivo, per comparire nella ricerca Google con le tariffe, è quello di rivolgersi ad un partner tecnologico per l’inserimento automatico delle tariffe, in base alle date di ricerca. Dovrai quindi provvedere all’inserimento di un sistema di prenotazione (booking engine) di un partner che abbia già un rapporto esistente con Google (sottoscrivendo un abbonamento), in maniera che possa impostare il feed del prezzo. In questo modo potrai ricevere prenotazioni dirette dal sito della tua struttura dal feed prezzo di Google, senza però pagare i costi per click o commissioni. Ma tieni conto che senza aver attive delle campagne Google Hotel ADS sarà difficile, nel caso tu sia presente sui principali portali di prenotazione, risultare in alto nel feed prezzo, prima di questi grandi colossi.

Se non sai da dove cominciare per creare una pagina Google Business o come rivendicare la tua attività sulla mappa, scrivici, cliccando sotto

Richiedi creazione scheda Google Business

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

17 + cinque =